La Forza della Conoscenza

Comprendere come funzioniamo ci permette di prendere in mano la nostra vita e di muoverci verso ciò che desideriamo
Scopri
La Forza della Conoscenza

“La prima ragione della schiavitù interiore dell’uomo è la sua ignoranza, soprattutto l’ignoranza di se stesso. Senza la conoscenza di sé, senza la comprensione del moto e delle funzioni della sua macchina, l’uomo non può essere libero, non può governarsi e resterà sempre uno schiavo, in balia delle forze che agiscono su di lui” (G.I. Gurdjieff).

Comprendere come funzioniamo ci toglie dall’ignoranza, permettendoci di prendere in mano la nostra vita e di muoverci verso ciò che desideriamo.
La comprensione che sta alla base di tutto è che il nostro Ben-Essere dipende dal nostro dialogo interiore, cioè da quello che ci raccontiamo dentro di noi.
Ogni pensiero, che facciamo su noi stessi, sugli altri e sulla Vita, si traduce in emozioni e comportamenti coerenti con ciò che abbiamo pensato, e quindi in malessere o benessere. Un pensiero interiore, ripetuto dentro di noi tante volte, come “Basta, non ce la faccio più; sono proprio un incapace” oppure “Accetto e con fiducia vado avanti”, non è solo un pensiero che si ferma nel cervello, ma ha il potere di generare emozioni, e quindi sostanze chimiche che circolano nel corpo, e azioni coerenti con ciò che si è pensato.

Dal primo pensiero “Basta, non ce la faccio più; sono proprio un incapace” scaturiscono emozioni come paura, timore, indecisione, rabbia verso se stessi e il comportamento che ne deriva sarà incerto, insicuro, titubante delle proprie capacità. Un pensiero di questo tipo non ci fa stare bene con noi stessi e nemmeno nelle relazioni con gli altri.
Il secondo pensiero “Accetto e con fiducia vado avanti” genera emozioni di pace, serenità e tranquillità, che permettono di avere un comportamento sicuro e fiducioso delle proprie capacità. Un pensiero di questo tipo genera benessere dentro di noi e intorno a noi.

E’ importante essere consapevoli del proprio dialogo interiore, perché determina la qualità della nostra vita.
La nostra mente non può stare senza pensieri, che non possono essere bloccati, ma possono essere sostituiti e trasformati.
Non sempre si riesce a fare da soli questa esplorazione e allora può esserci di aiuto un Counselor, che ci fa da specchio e ci accompagna a vedere che tipi di pensiero stiamo facendo.
Riconoscere i pensieri, imparare a rendersi conto di quando sono limitanti, cioè ci limitano nella nostra libera manifestazione, e imparare a sostituirli in modo luminoso e armonioso è alla base della conoscenza di noi stessi.
Osservare continuamente e dolcemente come ci parliamo, per sostituirlo e trasformarlo, è la chiave del cambiamento e della felicità.

Quello che seminiamo dentro di noi, fiorisce in noi e porta frutti attorno a noi, perché può crescere solo ciò che seminiamo.